Isli e Tislit Lac d'Isli e Lac de Tislit

Sul Medio Atlante, intorno alla cittadina berbera di Imilchil, si espande un altopiano che si mantiene sopra i 2000 metri di quota, Appare piuttosto arido e le temperature superano raramente i 30 gradi. A poca distanza tra loro e dalla cittadina di Imilchil esistono due ampi laghi dalle acque azzurre: Lac d'Isli e Lac de Tislit. I geologi marocchini ne attribuiscono l'origine all'impatto di meteoriti avvenuto circa 40.000 anni fa, anche se a prima vista hanno tutto l'aspetto di invasi di origine tettonica dal riempimento di depressioni argillose dell'altopiano costituito a una successione sedimentaria debolmente inclinata di alternanza argille e arenarie. I berberi conservano una suggestiva legenda che vuole i due invasi originatisi dalle lacrime di due amanti morti per il dispiacere di non aver potuto coronare il loro sogno d'amore per l'opposiziione delle rispettive famiglie. Isli e Tislit significano infatti fidanzato e fidanzata.
Carthamus pomelianus


I laghi Tislit e Isli
La leggenda

Sentiero Turiddu Carnivali

Sciara è un piccolo centro in provincia di Palermo noto, insieme al paese vicino Cerda, per la produzione di carciofi e per essere stato feudo dei principi Notarbartolo di Sciara. Nelle sue campagne, ai piedi di Monte Euraco (Monte San Calogero), ricade un misterioso e interessantissimo sito preistorico che comprende un dolmen e un tratto di grandi mura megalitiche noto come "Mura Pregne". E' tristemente noto anche per l'esecuzione mafiosa di un giovane sindacalista, Turiddu Carnivali, nato a Galati Mamertino (Messina), sui Monti Nebrodi, e trasferitosi giovanissimo a Sciara con la madre. A Sciara "Turi" fonda la sezione locale del Partito Socialista Italiano, si impegna per i diritti dei braccianti del feudo Notarbartolo e per i lavoratori delle cave di pietra da frantoio. Si distingue per la sua efficace trattativa con la principessa Notarbartolo. Per questo impegno è ucciso dalla mafia il 16 maggio del 1955. Al processo contro i suoi assassini assisterà l'avvocato Sandro Pertini, suo compagno di partito e futuro presidente della Repubblica. Alla vita e alle opere di Salvatore Carnevale, il poeta siciliano Ignazio Buttitta ha dedicato un noto "Lamentu" che i cantastorie siciliani Nonò Salamone e Ciccio Busacca hanno musicato e cantato. Lo scrittore Carlo Levi ha dedicato a lui un romanzo: "Le parole sono pietre" e i registi fratelli Taviani ne hanno fatto un film. Al suo impegno sociale ed alla sua memoria vogliamo adesso, noi escursionisti siciliani, dedicare un percorso a piedi, un sentiero, un cammino che parte dalle campagne di Sciara e sale al Piano di Maggio, altopiano a gariga erbosa contiguo al Monte San Calogero e circondato da punte di roccia calcarea. La vegetazione arborea è selezionata dal fuoco. Gli alberi più grandi sono le sughere.